La “casa rosa” di Ventotene resta sigillata

20121125-213000.jpgChiamati per la quinta volta a pronunciarsi sul sequestro della cosiddetta “casa rosa” i giudici hanno avallato il provvedimento voluto dal sostituto procuratore Giuseppe Miliano, che all’antiquario romano Antonio Pettini ha contestato trasformazioni illecite dell’immobile rurale, a Ventotene, e di una grotta, che sarebbero state compiute violando le norme urbanistiche e i vincoli gravanti sull’isola. La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso dell’indagato, confermando così i sigilli all’immobile. Una vicenda iniziata ad aprile 2011 e andata avanti tra un ricorso e l’altro. Quello della Suprema Corte dovrebbe ora essere il pronunciamento definitivo.

Fonte: H24Notizie

This entry was posted in Ambiente, Cronaca and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *