Ventotene, dove l’abuso pare la regola in tutto

20130623-191523.jpgL’isola di Ventotene ha rischiato il black out generale.
Per giorni gli isolani non si sono potuti rifornire di carburante, fino a quando non è intervenuto il sindaco Giuseppe Assenso che, con un’ordinanza urgente, ha disposto l’apertura dell’unico distributore esistente due ore nel pomeriggio – nello specifico dalle 14 alle 15 e dalle 18.45 alle 19.45 – compatibilmente con il divieto di accesso vigente nella zona di Cala Rossana.
Una situazione di emergenza che dovrebbe durare per altri due giorni, fino a quando non sarà fatto un nuovo sopralluogo da parte della speciale commissione di valutazione degli impianti di distribuzione del carburante.
Un organismo di controllo formato da tre enti: Vigili del fuoco, Genio civile e Capitaneria di porto. Ma andiamo per ordine. Il gestore del distributore presente sull’isola, ha presentato una Dia per mettere a norma l’impianto, realizzando un nuovo sistema antincendio. Questo però, sarebbe stato collegato ad un vecchio impianto elettrico ed i lavori avrebbero comportato un abuso. Venerdì della scorsa settimana la commissione di valutazione degli impianti ha effettuato la verifica annuale ed ha riscontrato l’abuso. A seguito di ciò ha disposto la chiusura della struttura. L’Eni ed il gestore si sono subito attivati per ripristinare lo stato dei luoghi il giorno successivo, ovvero sabato mattina. Gli stessi tecnici del Comune hanno fatto una verifica, appurando «la rimozione» dell’abuso. Ma senza una nuova verifica e quindi una nuova autorizzazione da parte della commissione ad hoc, l’impianto non può distribuire carburante. Per i primi giorni tutto è andato bene, ma già da giovedì sono cominciati i disagi. La benzina ed il gasolio hanno cominciato a scarseggiare. Sia l’ambulanza che le macchine delle forze dell’ordine, che i mezzi della raccolta rifiuti non hanno potuto più muoversi. Di fronte a questa situazione il sindaco per una questione di ordine pubblico ha fatto riaprire il distributore solo per due ore al pomeriggio. Ed ora si attende l’esito del sopralluogo della commissione in programma per domani a al massimo martedì. «Secondo me – ha detto il primo cittadino – si potevano evitare i disagi, intimando al gestore il ripristino dello stato dei luoghi (così come ha fatto subito), senza farlo chiudere. Spero che si faccia subito il sopralluogo e che la situazione rientri».

Fonte: Latina Oggi

Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Ventotene, dove l’abuso pare la regola in tutto

  1. jeromekjerome scrive:

    Abusivismo edilizio selvaggio a Ventotene e nessuno interviene per stroncare definitamente questo fenomeno che ha ridotto l’isola come una groviera. Grotte trasformate in appartamenti. Oggi si sta scavando a Punta delll’Arco. Un’altra grotta che sta per diventare appartamento??? Non si sono accorti di niente VV. Finanzieri e Carabinieri???
    Pubblicato 5 Luglio 2013 | Da abet

    Ventotene, un’isola che dovrebbe essere un paradiso e che, invece, è ridotta come una groviera dalla cecità e dall’egoismo umani e dall’assenza delle istituzioni.
    O, peggio, dall’inefficienza delle istituzioni che sanno e non intervengono.
    I risultati sono sotto gli occhi di tutti.
    Sono state sfondate grotte per adattarle ed utilizzarle come appartamenti; è stato costruito dapperttutto.
    Tonnellate di cemento e di altro materiale edilizio imbarcati sui traghetti dal porto di Formia e sui quali si sarebbero dovuti accendere tutti i riflettori, ma che nessuno ha voluto vedere.
    Su quell’isola c’è un clima di impunità davvero impressionante.
    Due Vigili urbani, un distaccamento della Guardia di Finanza, una stazione dei carabinieri, il tutto su una superficie ridottissima e che dovrebbero bastare per non far passare nemmeno una mosca.
    E, invece, succede di tutto.
    Oggi stanno scavando alla grande a Punta d’Arco.
    Tonnellate di terra rimossa, friabile peraltro e, quindi, con il rischio che crolli tutto.
    Un’altra grotta che si sta trasformando in appartamento, come già è avvenuto per altre due-tre?
    Nè Vigili Urbani, né Finanzieri, né Carabinieri si sono accorti di niente?
    Che ce la teniamo a fare tanta gente su quell’isola???

    ASSOCIAZIONE ANTIMAFIA ” ANTONINO CAPONNETTO”

  2. all'attenzione dell'assANTIMAFIA A. CAPONETTO scrive:

    SI SEGNALANO NELL’ISOLA DITTE ESTERNE OPERANTI NEI VARI LAVORI PUBLICI ISOLANI TUTTORA IN CORSO IN ODOR DI CAMORRA .ALTRESI CIRCOLANO SU TUTTE LE STRADE ISOLANE ANCHE PER IL CENTRO C!!CON I LORO AUTO FURGONI INCOMBRANTI A TUTTE LE ORE SENZA CINTURA E SENZA AUTORIZZAZIONI E STRANAMENTE NESSUNO CONTROLLA!!!

  3. o'pazzariello scrive:

    Ma vi ricordate quando su quella porzione dove ora c’è il distributore c’erano i bagnanti ?
    Che bei tempi, quanti tuffi, quanti ricci di mare da mangiare.
    Poi la modernità ha trasformato quel pezzo di scoglio in un serbatoio per benzina.
    Quella piccola baia è diventata una piazza -mare per barche .
    Soldi ,soldi, soldi.
    Allora l’abuso è la regola per far soldi, grazie abuso!!!!!!!
    Caro gestore ripristina lo stato dei luoghi, ma quello originario.
    Caro gestore quella zona è ad alto pericolo di crollo, ma chi ti ha dato il permesso?
    Caro gestore suggerisci che a Ventotene si può andare a piedi
    Caro gestore quanti mezzi passano sulla strada sospesa di Cala Rossano per venire da te?
    Caro gestore hai messo il cartello pericolo di crollo!!!!!!!!!!!!!
    Caro gestore non fare falsa testimonianza

  4. senza palle scrive:

    basta che uno dice una cosa e tutti giù a sparlare anche a sproposito di persone e di cose che nn c’entrano nulla classico atteggiamento ventotenese. ma finitila di aggredire e guardatevi i cazzi vostri l’affermazione della roberta mi sembra giusto sono i seguenti che sputano veleno e sono improduttivi

  5. jeromekjerome scrive:

    « Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Ville e Palazzi costruite in un parco terrestre e marino!
    Processi che sono rimandati per cercare di mandarli in prescrizione!
    E ho visto ombrelloni piantati in dieci metri quadri di spiaggia uno accanto all’altro.
    Ho visto 2 o tre vigili urbani per una meno di 1000 abitanti.
    Ho visto persone che hanno case popolari con milioni di redito.
    Ho visto persone comprarsi alberghi, case e ristoranti, ma non si sa con quali soldi
    Ho visto operatori turistici scavare appartamenti e bar dove una volta c’erano antichità romane
    Ho visto carabinieri , finanzieri e istituzioni portuali girarsi dall’altra parte davanti a illeciti conclamanti ma poi cercano “il pelo” nell’uovo. ( quale pelo?)
    Ho visto vendere pesce surgelato per fresco in ristoranti e alberghi.
    Ho visto vendere prodotti sott’olio a ferragosto sotto il sole cocente senza che le autorità provvedevano.
    Ho visto posti barca venduti a fior di quattrini senza nessuna licenza.
    Ho visto ormeggiatori pubblici che guadagnavano extra vendendo posti pubblici
    Ho visto il benzinaio che vendeva benzina non stando in regola! E chi sa quando ha guadagnato taroccando i contatori?
    Ho visto il sindaco che fa le belle prediche per santa candida, ma la coscienza non gli morde per i suoi tanti illeciti e il suo continuo favoritismo e soprattutto non gli importa dell’ l’immane tragedia!!
    Ho visto negozianti avere il monopolio dei beni primari e guadagnare fino ad ingozzarsi.
    Ho visto l’affare dell’immondizia differenziata dove il tecnico comunale guadagna a 4 ganasce ma stà ancora là
    Ho visto l’acqua mancare in pieno giugno.
    Ho visto appalti pubblici venduti a chi ha già ha tanti soldi
    Ho visto diving non in regola ma che non importa a nessuno se ci sarà qualche morto
    Fa parte della storia infinita del comune di ventotene
    Ho visto marito e moglie lavorare al comune
    Con case che affittano. Senza concorsi
    Ho visto il direttore del parco (o porco) guadagnare migliaia di soldi! E di cercare sconti dichiarando la sua qualifica!!! Vergogna!!!!
    Ho visto ristoranti in spiaggia colorati di blu intenso e con musica a palla solo perché appartengono al tecnico comunale.
    Ho visto……..

    E tutti questi momenti speriamo che andranno perduti nel tempo…
    come lacrime nella pioggia.
    È tempo…di cambiare !!»
    Sindaco e giunta comunale è ora di andarvene!!!

  6. io vado a piedi scrive:

    ciuccio viro anche gli affitti in nero!!!e locali dati in gestione con una cifra molto diversa di quando effettivamente dichiarato,ha ragione contrass oltre alla cintura controllare anche se’ ha bevuto alcolici..quindi provvedere al ritiro della patente e confisco dell mezzo!!!!

  7. CONTRASS scrive:

    pare che la protezzione della ..arlona da parte del S.CLAUS S. sia scadduta!!!!

  8. CONTRASS scrive:

    al porto occuppno posti abbusivamente sia a mare che a terra senza che ness. dice niente a mare e a terra anche gli spazi di EMERGENZA SENZA NESSUNA CONCESSIONE COSI VANNO A CONTROLLARE LA CINTURA!!! MA CONTROLLATE QUELLA DI CASTITA’ …

  9. Malamente scrive:

    E che è una novità.
    Si guardano le stronzate per non guardare le cose serie.
    Lo sceriffo si distrae troppo spesso inseguendo il pelo nell’uovo ma non vede gli abusi che vengono commessi ogni giorno da punta dell’arco al porto. Sono davvero ridicoli. Un’isola che cade a rotoli e loro guardano la cintura o la patente scaduta. Mentre nel castello si mangiano l’ora di dio. Vergogna

  10. roberta sarlo scrive:

    buonasera, scusate lo sfogo ma come ogni estate sono veramente esaperata, oggi mentre stavo parcheggiando e quindi con problemi di manovre aavendo una macchina piccola nn avevo la cintura di sicurezza un carabiniere mi ha redarguito…visto il caldo, la situazione e tutto il nervosismo mi ha proprio trovata…in seguito l’ho incontrato lungo la strada e l’ho fermato per dirgli alcune cose….che ora chiedo a tutti voi visto che lui mi ha detto che nn è comèpito suo..io glio rimproverato che l’unica sanzione che sanno applicare ultimamente è quella della cinture di sicurezza , perchè poi i locali (ordinanza prevede chiusura 2,3o) proseguono musica fino alle quattro e loro in borghese sgambettano —-dovrebbe esserci una pausa di silenzio lavori dalle 13 qlle 16 inve fuori casa mia sono sei mesi che ininterrottamente dalle sette e trenta alle diciotto rumori a non finire…poi..per non parlare di irregolarità portuali e sulle spiaggie e loro guardano le cinture…bè vi posso dire una cosa….mi sembrano un pò ridicoli roberta sarlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *