Ventotene: i cittadini denunciano Laziomar, il sindaco è latitante

E siamo a due. Dopo l’esposto del 5 marzo in merito ai collegamenti marittimi con le isole, in questi giorni è stata presentata un’altra denuncia alla Procura della Repubblica di Roma nei confronti della società di navigazione “Laziomar”. A firmarla i rappresentanti dell’Associazione per la valorizzazione delle isole dell’Arcipelago Ponziano, l’Ascom di Ventotene e l’Associazione albergatori di Ventotene. Nella nota, oltre a ripercorrere la travagliata storia della compagnia regionale e le dinamiche interne che hanno contraddistinto la società in quest’ultimo periodo, quali le dimissioni lo scorso 15 ottobre del presidente Antonio Cataudella, particolare rilevanza è data ai disagi nei servizi di collegamento e alle carenze della flotta a disposizione dei passeggeri. «Considerato – scrivono le tre associazioni di categoria – che nessun controllo sembrerebbe essere stato operato dagli organi di vigilanza preposti sulla mancata consegna della nave di riserva da parte della Caremar alla Laziomar, sulle riparazioni effettuate presso i cantieri di Napoli, sul noleggio delle navi, sulle soppressioni di corse da e per Ventotene, ad assicurare continuità del servizio durante i periodi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle navi e garantire, comunque, la disponibilità della nave di riserva, si chiede di accertare se esistono gli estremi per procedere a contestare il reato di interruzione di pubblico servizio, di omissione in atto d’ufficio (per la mancata sostituzione del mezzo), atteso che non risultano ridotte le somme per l’effettuazione dei servizi di collegamento, se il denaro pubblico sia stato speso correttamente (noleggio delle navi, ripetuti rientri in cantiere delle navi e aliscafi, se tutte le riparazioni siano state eseguite correttamente, multa di quattro milioni di euro dalla Unione Europea ), se gli aliscafi Alnilam e Montegargano risultano idonei alla navigazione e rispettano tutte le norme di sicurezza (passeggeri ed equipaggio) secondo le direttive dell’Unione Europea, nonché di tutti gli altri eventuali reati che dovessero rilevare».

Fonte: H24 Notizie, Latina Oggi

This entry was posted in Cronaca, Politica and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Ventotene: i cittadini denunciano Laziomar, il sindaco è latitante

  1. Paese delle banane says:

    Il sindaco è latitante ma il passato parla.
    15/aprile 2010
    Stavolta lo scoop lo ha fatto Antonio Ricci, “Striscia la notizia”, filmando l’incontro pubblico tra Vincenzo Zaccheo, sindaco a Latina fortemente contestato di recente da un gruppo di 14 consiglieri del Pdl legati all’area del senatore Claudio Fazzone, e la neo presidente della Regione Lazio, Renata Polverini. Si sente un dialogo fortemente imbarazzante per i due mandato in onda appunto dalla trasmissione satirica di Canale 5. Zaccheo cerca di screditare agli occhi della Polverini il senatore Claudio Fazzone (PdL). “Ti prego – dice Zaccheo a Polverini – non appaltare più a Fazzone, ha perso 15.000 voti”. “No, no, stai tranquillo!”, risponde lei. Nel corso della conversazione riferita da Striscia Zaccheo non manca poi di chiedere una raccomandazione per le sue figlie (»Non ti dimenticare delle mie figlie!«), ottenendo come risposta: »No, ma stai scherzando?«. La conversazione tra Polverini e Zaccheo prosegue così: Polverini: »Ciao Vincè mi raccomando hai portato 4 voti, hai portato!, risposta di Zaccheo: «Ti voglio bene, guarda ci ho creduto. Ti devo dire una cosa: complimenti! Hai dimostrato di essere come me: una donna tenace! Io ho lottato, guarda, io sono andato a nuoto per te. Sono andato a Ponza, a Ventotene. A Ventotene sono andato a prendere 57 voti per te, non uno di meno. Il Sindaco di Ventotene ti aspetta. Poi ho fatto… non ti dimenticare delle mie figlie!. Polverini: »No, ma stai scherzando? Domani mi faccio il calendario, mi faccio un giro«. E, ancora: Zaccheo: »E soprattutto ti prego: non appaltare più a Fazzone«. Polverini risponde: »No, no. Stai tranquillo«

    BENVENUTA PRESIDENTE

    QUESTO E’ IL PAESE DELLE BANANE

  2. Per non dimenticare says:

    LAZIOMAR, APPROVATO IL BILANCIO: UTILE NETTO DI QUASI 200MILA EURO
    27/04/2012 : 11:58

    (NewTuscia) – ROMA – Il consiglio di amministrazione di Laziomar Spa ha approvato questa mattina il bilancio d’esercizio chiuso al 31.12.2011 con un utile di euro 196.019,95, al netto delle imposte. “Un risultato positivo – ha commentato il presidenteAntonino Cataudella – conseguente all’attenta gestione dell’azienda, malgrado la necessità di contenere al massimo i costi degli utenti, trattandosi di un servizio pubblico, e nonostante un quadro di grande difficoltà economica”.
    Aldo Forte si è fatto promotore e protagonista del nuovo assetto regionale per i collegamenti con le isole.

    Lo Stato, in seguito a precise direttive dell’Unione Europea, trasferisce gratuitamente il naviglio e il contributo di 10 milioni di euro l’anno alla Regione Lazio.
    La Regione “promuove la costituzione di una società a totale partecipazione regionale per l’esercizio del servizio pubblico di cabotaggio marittimo regionale, denominata Laziomar s.pa. ai fini dell’acquisizione a titolo gratuito del ramo d’azienda ceduto dalla Caremar s.pa. per i collegamenti con le Isole Pontine”
    Entro il 28 febbraio la Regione Lazio avvia le procedure di gara pubblica per la selezione di un socio privato al fine di trasformare la suddetta Laziomar in “società a partecipazione mista pubblica e privata con attribuzione al socio privato di una partecipazione al capitale azionario non inferiore al 40%.
    Fin qui è la sostanza della bozza in discussione nella giunta regionale.
    Il Consigliere Aldo Forte s’infila in questa iniziativa presentando una sua proposta di legge regionale, che niente ha a che fare coi collegamenti marittimi, dal titolo “Programma straordinario d’interventi per favorire lo sviluppo economico, culturale ed occupazionale dei comuni insulari laziali” chiedendo una dotazione di 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2009-2010-2012.
    Inoltre, sempre secondo tale proposta di legge, “la Giunta Regionale, entro 60 giorni dall’approvazione della stessa, a seguito di intese coi Comuni di Ponza e Ventotene, predispone ed adotta un programma di iniziative e di interventi, la cui realizzazione è affidata alle suddette amministrazioni comunali ovvero a fondazioni ONLUS che svolgono attività di promozione del territorio”.
    Dunque milioni di euro promessi a fantomatiche Organizzazioni no profit, posti nel consiglio di amministrazione della società che gestirà le linee marittime, promesse di trasferimenti e assunzioni di personale, il tutto condito da strafalcioni sullo sviluppo e il benessere dei cittadini delle isole, hanno condito il discorso del giovane Forte amorevolmente assistito dal padre Michele.
    Il Consiglio di Amministrazione di Laziomar è formato da tre persone :
    Antonio Cataudella,avvocato, ne è il presidente. Alla vicepresidenza c’é Maria Terenzi (ex candidata della Lista Polverini per le Regionali).
    Consigliere è Marco Silvestroni, di Albano Laziale, politico, PdL.

  3. basta-ssen! x m.5stelle says:

    OGGI IL TRAGHETTO VA PRIMA A PONZA E POI VIENE QUA’ 5 -6 ORE DI VIAGGIO!!!! SPECIE DI SIN…CO EZZO DI M…A UOMO DI NIENTE ,QUA’QURAQUA’ COSA FAI???NIENTE!!!! VAI VIAAAAA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *