Dissalatore di Ventotene: altro via libera allo scempio

Nella giornata di oggi, 25 luglio, il TAR del Lazio ha accolto l’istanza cautelare presentata da Acqualatina contro l’ultima ordinanza dell’amministrazione comunale di Ventotene, del 19 luglio scorso, che bloccava, ancora una volta, i lavori di installazione del dissalatore sull’isola.

L’atto sospeso oggi, segue una precedente ordinanza sindacale, del 24 giugno, che aveva bloccato la squadra tecnica di Acqualatina, arrivata sull’isola trasportando l’impianto di dissalazione, come previsto dal piano di lavoro.

Anche su quell’ordinanza, lo scorso 28 giugno, il TAR del Lazio aveva emesso provvedimento cautelare di sospensione , su istanza presentata da Acqualatina.

Ma, nonostante ciò, i lavori, ripresi dopo la pronuncia del TAR, hanno subito un nuovo stop conseguente ad una nuova ordinanza notificata nei giorni scorsi.

Se l’ordinanza del 24 giugno aveva comportato il trasporto a ritroso dell’impianto di dissalazione sulla terra ferma, oltre al blocco dei lavori, quest’ultima del 19 luglio, ha causato l’annullamento del trasporto del dissalatore, previsto per la giornata di ieri, 24 luglio e, naturalmente, il blocco dei lavori.

“Ancora una volta – interviene Besson, Ad di Acqualatina – siamo stati costretti a contrastare gli atti dell’Amministrazione comunale in sede giudiziaria.
Con le nostre squadre stiamo procedendo con il massimo impegno possibile ma, evidentemente, con condizioni assolutamente sfavorevoli. Ogni stop ai lavori comporta un aggravio in termini di tempi e costi, e di questo, come gestore di un territorio ampio come l’ATO4, dobbiamo renderne conto all’insieme degli utenti.
Manteniamo fede all’obiettivo di attivare l’impianto già per l’estate del 2017, risultato che riteniamo doveroso, specie in una fase di emergenza idrica locale e nazionale della portata che tutti conosciamo, e che sta colpendo in maniera gravissima una vasta area dell’ATO4, dalla zona dei Monti Lepini, ai Comuni serviti dalla Sorgente di Vetere e al sud pontino.
Del resto – conclude Besson – parliamo dell’unica soluzione in grado di rendere autonoma l’Isola di Ventotene dal punto di vista del rifornimento idrico”.
Il dissalatore è un’opera prevista dal Protocollo con il Comune e la Regione Lazio ed è un tipo di impianto già utilizzato in molte isole italiane con alte prestazioni, sia in termini di approvvigionamento, che di tutela dell’ecosistema marino.

Fonte: elle22Press

This entry was posted in Ambiente, Politica and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

1 Response to Dissalatore di Ventotene: altro via libera allo scempio

  1. Pandatario says:

    Il dissalatore capta l’acqua di mare dall’imboccatura del porto…
    Il dissalatore, per effetto di osmosi, elimina solo e soltanto il sale dall’acqua
    e non le altre sostanze nocive per l’organismo umano; in quel punto dove viene
    captata l’acqua, transitano navi, aliscafi, yacht, ecc. ecc.. la nostra fantasia ci lascia
    immaginare quale tipo di un’acqua pura che sgorgherà dai nostri rubinetti di Ventotene!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *