Laziomar: la pacchia è finita!

scassomarLa notizia circa un’indagine della Commissione europea sui presunti aiuti di Stato alla Caremar, la compagnia regionale marittima della Campania, è già datata di qualche giorno dopo la pubblicazione da parte de Il Fatto Quotidiano. Ciò che però merita un commento è che in quell’operazione finita sotto la lente di ingrandimento di Bruxelles, gli attori sono gli stessi della cessione della Laziomar ai privati. Una cessione che per ora ha portato più svantaggi che altro. Di fatti entrambe le compagnie in realtà erano parte di un’unica società, ovvero la Caremar. Solo nel 2011 a seguito di cessione di ramo aziendale è avvenuta la scissione e quindi le isole pontine, delle quali prima si occupava Caremar, sono rientrate sotto le competenze di Laziomar che infatti fornisce viaggi solo per Ponza e Ventotene.

Già nel 2009 però la Caremar era finita dalla gestione ministeriale a quella regionale. Poi nel 2013 c’è stata la cessione sulla quale l’Europa vuole vederci chiaro, quella alla società Snav-Rfim di Gianluigi Aponte. Insomma la stessa procedura seguita per Laziomar che, dopo essere passata nelle mani della Regione Lazio, è finita nelle mani dei privati a partire dal gennaio del 2015. Anzi nelle mani dello stesso gruppo imprenditoriale costituito da Snav, Medmar, Alilauro, Alilauro Gruson ed AliCost.

Ora, secondo la Commissione europea, in poche parole, c’è la necessità di controllare se le norme nazionali in materia di aiuti di Stato prevedono le procedure adotatte nella privatizzazione di Caremar, per una cifra versata ai privati in cambio della gestione della compagnia di circa 10 milioni di euro all’anno. Anche perchè l’istituto dell’aiuto di Stato è proibito dalle norme europee. Inoltre lo stesso gruppo di società e armatori sarà l’oggetto dell’attenzione della commissaria europea Margrethe Vestager per quanto riguarda le tratte di medio raggio che si effettuano in Campania spartendosi il mercato. A questo proposito vale la pena aggiungere che le stesse compagnie che hanno oggi in mano Caremar nel febbraio scorso hanno incassato una maxi multa dall’Antitrust di 14 milioni di euro. In pratica le compagnia si sono accordate per non farsi concorrenza, con evidenti ripercussioni sull’utenza che per questo motivo già da molto tempo aveva denunciato la qualità del servizio.

Stessa cifra pattuita dalla Regione Lazio, che consegnava proprio in quel periodo, nel San Valentino di quest’anno, la Laziomar nelle mani del gruppo imprenditoriale di questi armatori napoletani. Infatti la concessione di Stato è di circa 14 milioni di euro, più ovviamente gli introiti derivanti dall’attività commerciale della vendita dei biglietti. A questo proposito c’è da dire che come corrispettivo di quanto versato alla società, il contratto di servizio che la stessa società doveva seguire per garantire la qualità dell’offerta è spesso disatteso in più parti. Un fatto denunciato dall’utenza e da alcune associazioni di categoria di Ponza e Ventotene. L’ultima soltanto ieri quando, nonostante appunto il contratto di servizio, la compagnia non ha potuto garantire il trasporto merci sull’isola di Ventotene. Eppure su Laziomar non vi è ancora alcuna procedura di controllo.

Fonte: H24 Notizie

Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Laziomar: la pacchia è finita!

  1. Vincenzo scrive:

    Caremar cede il suo ‘ramo’ pontino a Laziomar
    Firmato il contratto tra le due compagnie regionali, in attesa di un partner industriale, mentre l’operatore privato Vetor sospende i collegamenti con Ponza e Ventotene

    Le banchine laziali, ultimamente, sono state piuttosto movimentate. Da pochi giorni è nata infatti Laziomar, compagnia di cabotaggio pubblica che dovrà operare i collegamenti tra le coste della penisola e le isole dell’arcipelago pontino.
    In realtà la società era già stata costituita, nell’ambito dell’intricatissimo processo di privatizzazione di Tirrenia e delle sue ‘figlie’ locali, lo scorso 5 marzo 2010 con una legge regionale del Lazio che promuoveva “la costituzione di una società per azioni a partecipazione regionale ai fini dei collegamenti marittimi con le isole pontine denominata Laziomar s.p.a.”.
    Il testo normativo è rimasto però mera “carta” e non ha trovato attuazione per quasi un anno: esisteva formalmente il contenitore, Laziomar, ma non il contenuto, ovvero la flotta e l’operatività dei servizi. Il raggiungimento di tale obbiettivo è ancora lontano ma la scorsa settimana è stato fatto un passo avanti: l’11 febbraio Caremar, la compagnia regionale campana che operava anche i collegamenti Anzio-Ponza, Formia-Ponza e Formia-Ventotene, ha firmato con la Regione Lazio lo schema di contratto per la cessione a tritolo gratuito a Laziomar Spa del ramo d’azienda relativo ai collegamenti con l’arcipelago pontino (compresa la proprietà delle navi utilizzate per questi servizi).
    La Regione Lazio, unico azionista della neonata compagnia, dovrebbe adesso procedere alla pubblicazione di un bando per la ricerca di un socio privato a cui cedere parte del capitale di Laziomar. Nulla è stato riferito riguardo ai dettagli dell’operazione (non è stato possibile contattare né Caremar né la Regione Lazio) e non è quindi chiaro quando la newco pubblica inizierà effettivamente ad operare né quando e con quale quota avverrà l’ingresso del socio privato.
    Caremar dovrebbe però trasferire a Laziomar anche 10 dei 30 milioni di euro che ha ricevuto dal Ministero dei Trasporti in seguito al rinnovo, anche per il 2011, della convenzione con la Regione Campania per lo svolgimento dei servizi di pubblica utilità.

    Ma per una nuova compagnia che (forse) arriva sulle rotte pontine, un’altra, almeno per il momento, si ritira. Dal primo febbraio infatti Vetor, operatore privato che con i suoi aliscafi veloci collegava Formia e Anzio a Ponza e Ventotene, ha sospeso tutti i servizi.
    Anche in questo caso dalla compagnia nessun commento, ma nei giorni scorsi la stampa laziale ha riferito che Vetor non ha rinnovato la convenzione con la Regione per l’anno 2011 ritenendo i 600.000 di euro a cui ammonta la sovvenzione insufficienti anche solo a coprire le spese operative.
    Difficile ipotizzare come si svilupperà questa situazione, ma va sottolineato che – essendo quelli tra Anzio, Formia e le isole pontine gli unici servizi passeggeri operati da Vetor (attiva anche sul fronte delle merci con una flotta di navi cisterna) – in questo momento gli aliscafi della compagnia sono presumibilmente fermi. Una situazione che difficilmente potrà durare a lungo.

    Francesco Bottino 21/2/2011

I commenti sono chiusi.