Ventotene: un isola devastata dal cemento

Ventotene: un’isola devastata dalla cementificazione. Si è costruito nelle grotte, ovunque, grazie… alla disattenzione (si fa per dire) di chi doveva vigilare e non ha vigilato. Si interviene sempre quando i buoi sono già scappati dalle stalle e non si puniscono mai i responsabili. E’ assolutamente impossibile che in appena qualche chilometro quadrato nessuno si sia accorto di costruzioni in corso. Quando noi denunciavamo che da Formia partivano per Ventotene tonnellate e tonnellate di materiale per lavori edili nessuno si è preoccupato di controllare che fine facevano… Ora cosa si fa di tutte le opere sequestrate che hanno già compromesso gli equilibri dell’isola??? Si è sicuri che non ci sia ancora tanto da fare???

Fonte: Associazione antimafia “A. Caponnetto”

This entry was posted in Ambiente, Lettere and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

8 Responses to Ventotene: un isola devastata dal cemento

  1. Alessandro says:

    “In Italia la bellezza (del territorio) sta cedendo all’inferno. L’omertà di oggi e’ il non voler vedere, non voler sapere quello che di illegale accade intorno”

    Roberto Saviano

  2. Maria says:

    Se è vero che hanno iniziato i lavori del tunnel e della sede della Guardia costiera date più spazio a questi eventi , inviando anche le foto, dopo tutte le critiche che, giustamente, si sono avviate a questi due mega interventi devastatori sarebbe il colmo che tutto tace!!!!!!
    Chi vive sull’isola e non è d’accordo parli!!!!!!!!!!
    Ci sono giornalisti che daranno spazio alla denuncia e amanti dell’isola che manifesteranno per difendere la piccola isola, diversamente sono anch’io d’accordo con l’estremo saluto : addio Ventotene!!!!!

  3. Michele says:

    Si Anna ,sono iniziati i lavori del tunnel e della sede della Guardia Costiera
    Addio Ventotene!!!!!!!!!!

  4. Benito says:

    Tanto per cominciare non ditemi che la base nautica del Circolo Velico è ubicata in grotte di difficile visione.Sono pubblicizzate con foto e in primo piano quando si guarda il promontorio di Punta Eolo
    Con l’aggravante che ci vanno i ragazzi pagando il soggiorno e il corso di vela.
    Visto che queste grotte portano soldi all’economia dell’isola allora non sono visibili per l’autorità giudiziaria.
    L’abusivismo va interpretato in questa chiave.
    E poi l’abusivismo su piccola e grande scala porta anche voti!

  5. adolfo says:

    si infatti vanno a controllare grotte esistenti già da anni ed anni..perchè non vanno a controllare i nuovi abusi verso l’isolabella o al canalone???????????? lì poi ci sono troppe mani in pasta vero??????????? meglio vedere che si controlla ma solo dove non si da fastidio a chi non si deve dar fastido….ahhhhhhhhhhhh..che tristezza…!!!!!!!!!!!! cccààààààààà nesciun è fesso!!!!! …ed IO PAGO….forse bisognerebbe mandare direttamente un esposto alla procura della repubblica di latina perchè qui “orecchie da mercante”….chi va a controllare nel proprio gregge??????????? PECORONIIIIIIIIIIIIIIIII

  6. ass.anon.vent.x la leg. says:

    il responsabile di tuttoi questi disastri e il dott. VOCCAMOLLA… dentro !!! subito dentrooo a via aspromonte lo vogliamo

  7. NOASS says:

    si e costruito con il tacito consenso,del RE’ … X SCAMBIO DI VOTI, INDAGATE!!!n.b. ogni rif. a fatti o persone e puramente CASUALE

  8. Anna says:

    Chi segue il blog si ricorderà certamente quando sono scesi sull’isola i giornalisti del Tg, ebbene in quell’occasione il sindaco Assenso è stato solerte a farli ricevere e identificare dai Carabinieri dell’isola.Neanche fossero dei ricercati!!!!!!!
    Farà lo stesso quando sono scaricati le tonnellate di materiali per costruzioni?
    E gli altri che sono sul posto hanno certamente dei difetti visivi, non vedono mai nulla. La verità è che non si vuole vedere, perchè c’è chi ha il suo tornaconto, perchè c’è chi non è conforme alla legge, perchè se un domani avrai bisogno non potrai chiedere aiuto,perchè se non risiedi stabilmente sull’isola potrebbero farti dei dispetti e cosi via, una ragione di cecità e omertà c’è sempre. Peccato che non sia più vivente il famoso oculista dott. Taliercio, avrebbe prescritto occhiali per tutti, compresi i neonati per prevenzione.
    La verità è che le Istituzioni sull’isola sono preposte a vigilare il rispetto della legge.Ma chissà perchè non c’è continuità nella vigilanza.
    A che punto è la costruzione del tunnel? A che punto è la costruzione della sede della Guardia Costiera nel famoso porto romano ? Non si hanno più notizie.
    Aggiornateci. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *