Ventotene: di tutto di più

Nella mattinata del 14 Settembre 2011 il signor U. Stocchi, amico di vecchia data del sottoscritto, si è presentato presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Ventotene. Scopo della visita era quello di ottenere delucidazioni sulla Delibera Comunale o di Giunta concernente l’eliminazione delle aree verdi da sempre presenti nella piazza Castello a Ventotene.
Due delle suddette aree, sono già state eliminate quest’anno, sostituite solo da lastroni di pietra e qualche sparuto albero. Le altre aree verranno eliminate appena conclusa la stagione estiva.
Infatti, non appena finita la festa di S. Candida, riprenderanno i lavori di scavo per l’eliminazione delle rimanenti aree verdi e la pavimentazione totale della piazza che, potrà così trasformarsi in “zona ristorazione” con gli ombrelloni ed i tavolini dei locali e dove i pochi anziani rimasti sull’Isola potranno sostare previo pagamento di un caffè.

Cambiando argomento, su di un cartello nei giardinetti della piazza si legge “vietato giocare a pallone ”. Un divieto che nessuno rispetta e nessuno fa rispettare, né Carabinieri, né Guardia di Finanza né i due Vigili urbani. Infatti, si gioca a pallone dalla mattina alla sera, e delle volte anche dopo la mezzanotte. Forse i ragazzi giocano a pallone qui perché il campo di calcio – quello vero- sito alle spalle della Caserma della Guardia di Finanza, è ormai adibito a discarica di materiale edile in attesa di diventare un parcheggio per le automobili che usciranno dal tunnel?

Ma cambiamo ancora argomento…
Il giorno 11.09.2011, un forte incendio ha devastato per tutta la notte le campagne nelle prossimità di Parata Grande. Le cause ancora da accertare. Va ricordato che in questa zona le terre si incendiano puntualmente ogni anno, molto spesso a settembre. Dieci giorni prima era toccato alla zona Fontanelle e qualche mese prima ad un campo di lenticchie. Sono tutte fatalità?
E come non ricordare l’incendio che ha devastato S. Stefano di qualche anno fa?
Gli incendi mettono a rischio sia la vita dei turisti ospiti, sia di tutti i volontari della Protezione Civile (questi ragazzi andrebbero premiati), che con i pochi mezzi a disposizione, cercano di spegnere l’incendio che si trovano davanti.
Anche per tutti questi motivi, quest’anno l’Isola di Ventotene si è meritata la bandiera nera.
Gli operatori turistici sono andati su tutte le furie contro Goletta Verde, Legambiente, WWF ecc ecc…e contro il sottoscritto.
Vorrei ricordare, come riportato nelle varie lettere apparse su Internet, che l’Isola di Ventotene è Riserva Marina e Terrestre. Voglio ricordarlo in quanto, qui non cambia niente, si progetta solo come far arrivare soldi……ma poi?

Per concludere, riguardo al primo caso sollevato l’U.T.C. ha risposto che non esiste nessuna Delibera Comunale, né di Giunta che prevede eliminazione delle aree verdi nel centro storico dell’Isola di Ventotene. Sarà vero?
Va ricordato che anche per altre aree nel centro storico, forse demaniali, come quella in via Roma e quella vicino la rampa per il porto verso il Pozzillo, sono stati stanziati soldi per cambiare il manto stradale. Fin qui va bene, ma è giusto eliminare un’area verde per un monumento che viene attualmente utilizzato come bidone della spazzatura, o rendere ad uso l’altra sempre se quest’ultima fosse effettivamente demanio dello stato.
E come dimenticare le aree messe sotto sequestro al porto nuovo e al campo sportivo?
Ed i “lavori” che da anni si stanno effettuando dalla spiaggia Calanave a tutto il canalone. Lavori edili? Bonifica? Si tolgono altre piante per far posto a cosa?

Cari Ventotenesi, non dovete prendervela con le associazioni che quest’anno vi hanno assegnato la bandiera nera e nemmeno con il sottoscritto.
Sappiate che molti Enti hanno stanziato milioni di Euro per migliorare il territorio di Ventotene ma nessun miglioramento si è visto.
Ci tengo a precisare che il sottoscritto si espone in prima persona perché non ha interessi, non faccio parte di quelle persone, tra le quali molte facenti parte dell’entourage del Sindaco, che vorrebbero che sia io ad accusare e denunciare chi dovrebbe controllare e non l’ho fa. Questo non l’ho farò mai.
Signor Sindaco, mi permetta, io la mia petrella la tiro…. ma non faccio come qualcuno del suo enturage, che poi nasconde la manella.

Ventotene, 16 settembre 2011

Antonio Flocco

Fonte: Associazione antimafia “A. Caponnetto”

This entry was posted in Cronaca, Lettere, Politica and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

1 Response to Ventotene: di tutto di più

  1. marina says:

    Effettivamente Ventotene di tutto di più.
    Evvero che molti Enti hanno stanziato milioni di Euro per migliorare il territorio di Ventotene ma il miglioramento si è visto nelle case di pochi.Stupisce al quanto il bando sottoelencato del 25/05/2011.
    Bando per “Assegnazione dei fondi di cofinanziamento” per gli interventi di risparmio energetico previsti nel progetto “Ventotene isola a meno co2”. Il contributo è riservato a soggetti privati – Comune di Ventotene con approvazione del Ministero Ambiente e Tutela del territorio.
    Una quota di 96.751,00 euro, economia di risparmio del progetto “Ventotene emissioni O”, è stata oggetto di bando pubblico, in cinque hanno beneficiato di un contributo del 40% del costo per installare infissi a doppio vetro e pompa di calore.
    In totale hanno ricevuto una somma di oltre 17.000.00 euro.
    Il grosso della somma non è stato erogato. Tra i nomi si legge: Assenso Umberto e Giuseppe, Romano Rosario,Bosco Nicola , Matrone Domenico.
    Pare che nessuno fosse interessato a contributi per la riqualificazioone energetica dell’involucro edilizio, per cui per questa voce non sono stati erogati contributi.
    Sono in pochi a Ventotene ad avere un’anima ecologista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *